Ecomuseo Feltrificio Crumière

E’ ospitato nella parte storica dell’ex feltrificio Crumière, costruzione in pietra di fine Ottocento su tre piani adibita a stabilimento dal 1904. Nel 1995, la collaborazione tra il Comune di Villar Pellice, la Comunità Montana Val Pellice e la Cooperativa Nuova Cumière, finalizzata alla realizzazione di un progetto per la trasformazione del fabbricato esistente, in museo di archeologia industriale della Val Pellice. L’intervento, finanziato ai sensi del Regolamento U.E. 2081, ha permesso il recupero integrale della parte storica dell’edificio, consistente in una costruzione in pietra di fine Ottocento, disposta su tre piani, prima adibita a mulino e successivamente a feltrificio.

La trasformazione in museo del vecchio fabbricato, ne ha evitato il progressivo degrado restituendolo all’architettura tipica di un villaggio del secolo scorso, permettendo il recupero dell’insieme dei macchinari tessili d’epoca e dell’archivio storico di fabbrica che ricostruiscono fedelmente la vita socio-economica dell’azienda.

L’Ecomuseo Feltrificio Crumière, inaugurato al nuovo corso il 14 luglio 2006, è stato gestito autonomamente dal Comune di Villar Pellice, dal Comitato Scientifico di tecnici ed esperti, in collaborazione con la Comunità Montana Val Pellice e con il coinvolgimento prezioso di numerosi cittadini volontari, che si sono costituiti in associazione nell’anno 2010 per gestire direttamente l’ecomuseo.

Esso comprende macchinari d’epoca e macchinari tuttora funzionanti utilizzati dalla Cooperativa Nuova Crumière per la produzione del feltro. E’ presente un centro di documentazione con le testimonianze riguardanti la storia e i cicli produttivi tessili. Nella struttura si trovano inoltre spazi a valenza didattica per l’organizzazione di laboratori rivolti a scuole, adulti e bambini; vi sono inoltre aree dedicate a convegni, corsi di formazione e mostre. Maggiori dettagli sulle visite e sulle attività del museo al sito www.ecomuseocrumiere.eu.

Per informazioni Tel. 0121/930622 oppure tel. 339/1336670 (Barbara Zangelmi) email: bzangelmi@yahoo.it.