Raccolta funghi

RACCOLTA DEI FUNGHI NELLE VALLI CHISONE e GERMANASCA PER L’ANNO 2017

(dal 01.01.2017 al 31.12.2017)

La raccolta dei funghi in Piemonte è consentita previo possesso dell’apposito titolo per la raccolta previsto dalla legge regionale n. 24/2007 (Tutela dei funghi epigei spontanei), come modificata dalla legge regionale n. 7/2014, che norma tutte le attività riguardanti la raccolta di funghi spontanei

TITOLO PER LA RACCOLTA FUNGHI

Come si ottiene il titolo per la raccolta funghi

Il titolo per la raccolta è costituito dalla ricevuta del versamento del contributo dovuto. Per ottenere il titolo, quindi, è sufficiente eseguire il pagamento del contributo a favore degli enti delegati al rilascio.

In caso di controlli da parte del personale di vigilanza la ricevuta del versamento che dovrà essere esibita accompagnata da un documento d’identità valido.

Come si fa il pagamento all’Unione dei Comuni

  • Per ottenere il titolo per la raccolta è possibile effettuare il pagamento:Con conto corrente postale C.C. 1032892851 intestato a UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLE VALLI CHISONE E GERMANASCA SERV.TES, VIA ROMA 22 10063 PEROSA ARGENTINA TO;
  • Con bonifico bancario a favore della UNIONE DEI COMUNI DELLE VALLI CHISONE E GERMANA-SCA – IBAN IT84D0306930730100000046123.

Affinché il versamento sia valido come titolo per la raccolta deve riportare le generalità e il luogo di residenza del raccoglitore. Nella causale deve essere riportato il luogo e la data di nascita (Nato a _____ il _____) e le diciture indicate nel prospetto di cui sotto.

ATTENZIONE: a partire dall’11 settembre 2014 non è più necessario applicare la marca da bollo sulla ricevuta del versamento.

COSTI E VALIDITÀ DEL TITOLO PER LA RACCOLTA (DGR n. 27-431 del 13/10/2014)

È possibile dotarsi solo del titolo per la raccolta efficace su tutto il territorio regionale, che può avere validità giornaliera, settimanale, annuale, biennale e triennale. Gli importi dei contributi sono i seguenti:

Validità del titolo

Scadenza

Importo

Causale (oltre a luogo e data di nascita)

Giornaliera

1 giorno

€ 5,00

l.r. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi valido il giorno … (indicare la data esatta).

Settimanale

7 giorni

€ 10,00

l.r. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi valido dal giorno … al giorno … (es. dal 1/10/17 al 7/10/17)

Annuale

31/12/2016

€ 30,00

l.r. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi anno 2017

Biennale

31/12/2017

€ 60,00

l.r. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi anni 2017 – 2018

Triennale

31/12/2018

€ 90,00

l.r. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi anni 2017 – 2018 – 2019

Per i residenti nell’Unione di Comuni è ammesso il pagamento in misura ridotta per la raccolta esclusivamente nel territorio dei Comuni membri dell’Unione dei Comuni. L’importo, in questo caso, è di 20,00 € per i titoli annuali, 40,00 € per i biennali e 60,00 € per quelli triennali

TITOLI CONSEGUITI IN DATA ANTERIORE AL 13/10/2014

I versamenti eseguiti prima dell’11/09/2014 (entrata in vigore della l.r. 7/2014), nonché quelli successivi conseguiti sino all’emanazione della DGR n. 27-431 del 13/10/2014 restano validi ed efficaci sino alla loro naturale scadenza.

RACCOLTA NEL PARCO “CONCA CIALANCIA”

Ai sensi del Regolamento dei Paro Naturale Provinciale di Conca Cialancia è consentita solo ai residenti di Perrero, che devono comunque essere in possesso dell’autorizzazione alla raccolta funghi. Sono fatti salvi i diritti dei proprietari e degli aventi titolo sui fondi inclusi nei parchi.

 

ALCUNE NORME GENERALI

-    Quantità – La raccolta dei funghi è consentita per la quantità giornaliera ed individuale massima di 3 kg complessivi (senza limiti nel numero di esemplari).

-    Diritti dei proprietari – I proprietari e i coltivatori di un fondo, nonché i loro parenti e affini di primo grado (coniuge, figli, generi/nuore), possono raccogliere funghi senza autorizzazione e oltre il limite dei 3 kg, solo quando esercitano la raccolta nei fondi di loro proprietà o sui quali hanno diritto.

-    Deroga - È consentita la raccolta senza titolo (con il limite dei 3 kg), per le seguenti specie: chiodini o famigliola buona (Armillariella mellea), prataioli (Agaricus campestris, Agaricus macrosporus), specie diverse del genere Morchella, gambe secche (Marasmius oreades), orecchione (Pleurotus ostreatus), coprino chiomato (Coprinus comatus) e mazza di tamburo (Macrolepiota procera).

- Autorizzazione in deroga – La Città Metropolitana di Torino ha approvato il regolamento per il rilascio delle autorizzazioni in deroga alla raccolta dei funghi epigei spontanei. L’Ente rilascia l’autorizzazione alla raccolta funghi, a titolo oneroso, in deroga ai quantitativi ordinari, esclusivamente per le aree protette istituite ai sensi della vigente normativa del territorio di riferimento. Ha altresì previsto, all’art. 2, la delega al rilascio delle autorizzazioni di cui sopra alle Comunità Montane, alle Comunità Collinari ed ai Comuni non appartenenti a tali Comunità, che si sono avvalsi della facoltà del rilascio del tesserino per la raccolta funghi, come previsto dall’art. 22 della L.R. 2/11/1982, n. 32, in modo continuativo, nei tre anni precedenti la pubblicazione della L.R. 24/2007 e successive modifiche ed integrazioni per i territori esclusi dalla ere protette. La L.R. n. 3 del 14/03/2014 ha stabilito che le funzioni di cui sopra, esercitate dalle Comunità Montane fossero trasferite alle Unione Montane (art. 3, comma 2 lettera c) e pertanto questa Unione Montana può regolamentare nello specifico le deroghe. Possono beneficiare dell’autorizzazione in deroga a titolo oneroso, i residenti nella Unione Montana dei Comuni delle valli Chisone e Germanasca per i quali la raccolta funghi costituisce fonte di lavoro stagionale e di reddito, purché appartenenti ad una delle seguenti categorie:

-       coltivatori diretti o imprenditori agricoli a qualunque titolo;

-       gestori in proprio dell’uso del bosco, compresi gli utenti dei beni di uso civico e di proprietà collettive;

-       soci di cooperative agricolo – forestali.

Ai sensi dell’art.14 delle linee guida “raccolta funghi epigei spontanei” approvate con Deliberazione di Giunta dell’Unione dei Comuni delle Valli Chisone e Germanasca (n. 14 del 24.03.2016), i richiedenti potranno esercitare la raccolta unicamente nei comuni facenti parte dell’Unione Montana di riferimento. Per poter ottenere la deroga il richiedente, in possesso del titolo annuale raccolta funghi, dovrà effettuare domanda in deroga di autorizzazione alla raccolta funghi in quantitativi superiore ai limiti di legge all’Unione Montana dei Comuni  delle valli Chisone e Germanasca.

L’Unione Montana, accertati i requisiti, rilascerà l’autorizzazione, previa consegna da parte del richiedente, della ricevuta del costo dell’autorizzazione stessa unitamente ad un marca di bollo di euro 16,00.

ll costo della presente autorizzazione verrà stabilito annualmente dall’Unione Montana dei Comuni delle valli Chisone e Germanasca e l’importo dovrà essere versato sullo stesso conto dedicato dall’Ente specificando la causale “Autorizzazione raccolta funghi in deroga per l’anno 20____,ex art. 5 L.R. 24/2007”.

Il facsimile di richiesta e quello di autorizzazione sono uniti alle presenti linee di guida per farne parte. La deroga avrà validità unicamente per l’anno solare di riferimento e prevede un quantitativo massimo giornaliero di raccolta di funghi pari a 10 chilogrammi.

-    Principali sanzioni amministrative – Raccolta oltre i 3 kg: € 11 ogni 500 g. Uso di contenitori non idonei: € 33. Raccolta senza titolo valido: € 86. Raccolta in violazione al Regolamento dei Parchi provinciali: € 33.

 

Per ulteriori informazioni rivolgersi agli Uffici dell’Unione dei Comuni delle Valli Chisone e Germanasca

Centralino 0121 52531   –   segreteria@unionevallichisonegermanasca.it –   www.unionevallichisonegermanasca.it